La Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaLa Vita altrove | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta Latina
La Vita altrove

Arte al Chiodo 2010
“La vita altrove”
dipinti di Enrico Grasso


città Sermoneta
periodo in cui si svolge l'evento 2 ottobre - 7 novembre 2010
inaugurazione sabato 9 ottobre - h.18,30
autori Enrico Grasso
titolo dell'evento "La vita altrove" dipinti
titolo della rassegna "Arte al Chiodo 2010"
luogo "il Chiodo di Sermoneta" spazio d'arte
indirizzo Piazza del Popolo, 13 - Sermoneta (LT)
recapiti mail barcla@email.it
recapiti telefonici 347.4096112
orari 17,00-21,00
curatore Claudio Muolo
collaboratori studio maRAMEo- lampade artistiche, Ass. Cult. "il Chiodo di Sermoneta"
patrocinio Comune di Sermoneta

Ogni opera d'arte racconta una storia, o più di una, che spesso sono una tesi volta ad invogliare lo spettatore o visitatore ad un'immedesimazione, o ad un gioco di specchi e riflessi, in cui possa trovare il filo di Arianna che lo conduca per mano fuori dal caotico labirinto del reale che lo circonda. La pittura di Grasso affronta il circostante con una soluzione estremamente interessante ed efficace, in cui risulta esplicita la sua posizione sul mondo e la società odierna e la conseguente suggestione a tesi suggerita allo spettatore (oserei dire compagno, dato che Grasso lo pone in una posizione differente dal normale fruitore di pittura, in cui si assiste agli eventi come a teatro, mentre nella sua pittura si crea immediata un gioco di complicità tra pittore e visitatore).

Nel tempo dei media, della ipertrofia dell'informazione, dell'ultima notizia, Grasso decide che per l'uomo normale, quindi per ciascuno di noi, quello che è fondamentale non è il"fatto", "l'evento" bensì il dettaglio, l'allure di un ricordo che si crea nella memoria ed inizia a fare parte del nostro patrimonio, della nostra esperienza. Grasso fermando l'esterno della situazione lascia al visitatore la libertà di "sentire" o immaginare l'evento, e l'immaginazione è cinetica, quindi in movimento.

La storia è sempre fuori campo, quindi non ha inizio né fine, è un evento suggerito senza nessuna forma d'imposizione, infatti ciascuno può costruire dal dettaglio raccolto e documentato da Grasso, la storia che maggiormente gli appartiene, in pieno rispetto dell'individualità di ciascuno.

La sua pittura ha un debito con la cultura Pop di natura specificatamente formale; infatti la Pop Art rappresentava un momento di grande comunicazione e meditazione collettiva e sociale, mood e ricerca che odiernamente risulterebbero antistoriche, se non attraverso un'alchimia dell'individuo dato che quello che rappresentava l'elemento iconico della società dei consumi si è trasformato nella pittura di Grasso nell'invisibile, nel minuscolo ipertrofico, della vita comune, ed effettivamente ora è l'essere umano un bene di consumo; lo stesso corpo, smembrato, sezionato, studiato a brani diventa l'equivalente di una scatola di zuppa, o dell'orecchio di un topo da cartoon. Ed in questo che la pittura dell'artista, che ad una lettura superficiale potrebbe fermarsi alle assonanze estetico formali, ad una seconda, e più attenta, risulta una pittura dai contenuti politici e sociali molto forti strettamente attualizzati e non banali.

La luce vivida che investe le tele risulta la personificazione di un sogno, e come dice lo stesso autore è il vivido ricordo di un'epoca sociale, storica e politica. Un'epoca in cui l'autore-uomo faceva parte di un tutto, e adesso la sua appartenenza non può che essere all'impalpabile, all'individuale.

La tavolozza piena e variegata, spazia dai toni freddi a quelli caldi, infrangendo qualsiasi regola, per fortuna, sulla costruzione visiva del sogno e dei ricordi, viene stesa con meticolosità, avanzando per velatura che conquistano il territorio del colore nella sua pienezza di essenza simbolica e narratrice. La stesura che risulta piatta e non materica, la scelta del colore pieno e solare, l'uso della luce avvolgente e dichiarante, racconta la grande influenza che Grasso ha con la cultura pittorica e narrativa del Sudamerica, da Botero a Rivera, da Sepùlveda a Màrquez, che per l'autore rappresenta un laddove l'uomo è ancora tale, benché immerso nelle asperità di Paesi straziati.

Grasso crea quello che vorrebbe vedere prima che l'oscurantismo catodico fagociti ogni cosa, cercando di essere il monocolo in un regno di orbi.

Agata Chiusanop

pietrocontento.it Valid HTML 4.01 Transitional CSS Valido!