Ero convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaEro convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaEro convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaEro convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaEro convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta LatinaEro convinto di essere un mito | arte cultura artigianato spazio d'arte Associazione Culturale Il Chiodo Sermoneta Latina
Ero convinto di essere un mito

 Arte al Chiodo 2011

“Ero convinto di essere un mito”
La Tinaia e Blu Cammello
Dipinti




Arte al Chiodo 2011

“Ero convinto di essere un mito”
La Tinaia e Blu Cammello
Dipinti


città Sermoneta
periodo in cui si svolge l'evento 16 luglio 2011 – 16 agosto 2011
inaugurazione sabato 16 luglio – h.18,30
autori La Tinaia, Blu Cammello, Riccardo Bargellini
curatore Claudio Muolo
titolo dell'evento “Ero convinto di essere un mito”
titolo della rassegna“Arte al Chiodo 2011”
luogo "il Chiodo di Sermoneta" spazio d'arte
indirizzo Piazza del Popolo, 13 - Sermoneta (LT)
recapiti mail barcla@email.it
recapiti telefonici 3474096112
orari 10,00-13,30 \ 17,00-21,00
Ass. Cult. "il Chiodo di Sermoneta"
patrocinio Comune di Sermoneta
collaboratori studio maRAMEo- lampade artistiche - Ass. Cult. “il Chiodo di Sermoneta”

Ero convinto di essere un mito è il titolo della ricerca pittorica sulle varie rappresentazioni collettive del corpo, che è stata condotta dagli artisti irregolari degli Atelier “Blu Cammello” di Livorno e “La Tinaia”di Firenze in un workshop diretto da Riccardo Bargellini.

Il lavoro affronta l’esibizione corporea connessa al potere, a partire dalla famosa frase di Ponzio Pilato “Ecce Homo”, mentre mostra ai giudei il corpo flagellato di Gesù, come simbolo della sopraffazione legata al possesso fisico dell’uomo. Le ferite sulla carne marcano l’abuso della forza e la dichiarazione di una legge sociale che può anche uccidere. Il corpo è lo spazio di ogni individuo sul quale si costruiscono le interfacce con il mondo, poiché è il luogo di traduzione di codici condivisi e il mezzo attraverso cui la società può sia sorvegliare che punire . L’azione chirurgica, estetica, pittorica e scultorea sul proprio corpo sono una manipolazione per agire sulla rappresentazione di sé da offrire all’altro. Ogni individuo è un soggetto plurale, perché possiede significati multipli che costruisce nella sua relazione con l’ambiente, dove si attuano modificazioni continue e sinergiche. Il corpo possiede i segni del contesto in cui si trova e, soprattutto, del suo rapporto con questo contesto. La scoperta dell’immagine corporea, rappresentata dai vari mass media e la sua rielaborazione da parte degli artisti outsider, ha prodotto delle opere in cui la visione irregolare di chi vive ai margini conferisce un’intensa forza emotiva al vuoto dell’esibizione conformista.

L’Atelier Blu Cammello attivo dal 1999, nasce negli spazi del Centro Basaglia di Livorno con il desiderio di dare la possibilità ad alcuni utenti del dipartimento di Salute Mentale Adulti della ASL di Livorno, di partecipare ad attività finalizzate allo sviluppo del loro potenziale creativo, orientando secondo la particolare predisposizione di ognuno la loro produzione artistica verso una più ampia visibilità per un riscontro anche critico, a garantire una costante apertura e rinnovamento delll’Atelier stesso e dei loro utenti. Riccardo Bargellini, pittore e visual designer fin dal 1999, grazie alla psichiatra Ivana Bianco, dirige l’Atelier garantendone da sempre l’attività quotidiana curandone inoltre l’immagine e la comunicazione. L’ Atelier Blu Cammello fa stabilmente parte da alcuni anni di un network europeo di Outsider Art, tramite progetti artistici che coinvolgono altre realtà simili. Ne è un esempio l'avvincente esperimento di contaminazione "Match de Catch", realizzato con il CEC la Hesse di Vielsalm, culminato nella produzione di opere da parte di Gianni Pacinotti (Gipi), Ursula Ferrara, Riccardo Bargellini, i fumettisti Dominique Goblet, Thierry Van Hasselt, Oliver Deprez e Vincent Fortemps, del collettivo Frémok, tra gli altri, che hanno partecipato insieme ad altrettanti artisti outsider a una residenza di due settimane basata sul lavoro congiunto artista/artista outsider.

Il Centro di Attività “La Tinaia” nasce all’interno dell’ospedale psichiatrico V. Chiarugi di Firenze a metà degli anni Settanta su iniziativa di un gruppo di operatori come spazio di espressione creativa per i ricoverati dei reparti. Tra le centinaia di persone che hanno frequentato “La Tinaia”, molti gli autori da considerarsi personalità artistiche significative. Le opere di alcuni di loro sono presenti da anni nelle più importanti collezioni pubbliche e private d’arte: Collection de l’Art Brut di Losanna, L’Aracine di Parigi, Musèe d’Art Moderne di Villenueve-d’Ascq, Outsider Collection di Monica Kinley a Londra, Phillis Kind gallery di Chicago e New York, Mad Musée di Liegi. Più di 150 esposizioni realizzate dagli anni Settanta ai nostri giorni.

Inaugurazione sabato 16 luglio – ore 18,30
Con una performance di Body Art delle artiste Carla Nico e Marcela Lima.

Intervento sonoro di :“Pepe” Vilaplana Herruzo Josè (contrabasso)
(offerto dal Campus Internazionale di Musica).

Contributi video: - Francesco Faralli “La Tinaia” (cortometraggio)
- Paolo Ruffini “Cuore Matto” (cortometraggio)
Illuminazione artistica: studio maRAMEo.

Il lavoro affronta l’esibizione corporea connessa al potere, a partire dalla famosa frase di Ponzio Pilato “Ecce Homo”, mentre mostra ai giudei il corpo flagellato di Gesù, come simbolo della sopraffazione legata al possesso fisico dell’uomo. Le ferite sulla carne marcano l’abuso della forza e la dichiarazione di una legge sociale che può anche uccidere. Il corpo è lo spazio di ogni individuo sul quale si costruiscono le interfacce con il mondo, poiché è il luogo di traduzione di codici condivisi e il mezzo attraverso cui la società può sia sorvegliare che punire . L’azione chirurgica, estetica, pittorica e scultorea sul proprio corpo sono una manipolazione per agire sulla rappresentazione di sé da offrire all’altro. Ogni individuo è un soggetto plurale, perché possiede significati multipli che costruisce nella sua relazione con l’ambiente, dove si attuano modificazioni continue e sinergiche. Il corpo possiede i segni del contesto in cui si trova e, soprattutto, del suo rapporto con questo contesto. La scoperta dell’immagine corporea, rappresentata dai vari mass media e la sua rielaborazione da parte degli artisti outsider, ha prodotto delle opere in cui la visione irregolare di chi vive ai margini conferisce un’intensa forza emotiva al vuoto dell’esibizione conformista.

L’Atelier Blu Cammello attivo dal 1999, nasce negli spazi del Centro Basaglia di Livorno con il desiderio di dare la possibilità ad alcuni utenti del dipartimento di Salute Mentale Adulti della ASL di Livorno, di partecipare ad attività finalizzate allo sviluppo del loro potenziale creativo, orientando secondo la particolare predisposizione di ognuno la loro produzione artistica verso una più ampia visibilità per un riscontro anche critico, a garantire una costante apertura e rinnovamento delll’Atelier stesso e dei loro utenti. Riccardo Bargellini, pittore e visual designer fin dal 1999, grazie alla psichiatra Ivana Bianco, dirige l’Atelier garantendone da sempre l’attività quotidiana curandone inoltre l’immagine e la comunicazione. L’ Atelier Blu Cammello fa stabilmente parte da alcuni anni di un network europeo di Outsider Art, tramite progetti artistici che coinvolgono altre realtà simili. Ne è un esempio l'avvincente esperimento di contaminazione "Match de Catch", realizzato con il CEC la Hesse di Vielsalm, culminato nella produzione di opere da parte di Gianni Pacinotti (Gipi), Ursula Ferrara, Riccardo Bargellini, i fumettisti Dominique Goblet, Thierry Van Hasselt, Oliver Deprez e Vincent Fortemps, del collettivo Frémok, tra gli altri, che hanno partecipato insieme ad altrettanti artisti outsider a una residenza di due settimane basata sul lavoro congiunto artista/artista outsider.

 Il Centro di Attività “La Tinaia” nasce all’interno dell’ospedale psichiatrico V. Chiarugi di Firenze a metà degli anni Settanta su iniziativa di un gruppo di operatori come spazio di espressione creativa per i ricoverati dei reparti. Tra le centinaia di persone che hanno frequentato “La Tinaia”, molti gli autori da considerarsi personalità artistiche significative. Le opere di alcuni di loro sono presenti da anni nelle più importanti collezioni pubbliche e private d’arte: Collection de l’Art Brut di Losanna, L’Aracine di Parigi, Musèe d’Art Moderne di Villenueve-d’Ascq, Outsider Collection di Monica Kinley a Londra, Phillis Kind gallery di Chicago e New York, Mad Musée di Liegi. Più di 150 esposizioni realizzate dagli anni Settanta ai nostri giorni.

Inaugurazione sabato 16 luglio – ore 18,30
Con una performance di Body Art delle artiste Carla Nico e Marcela Lima.

Intervento sonoro di :“Pepe” Vilaplana Herruzo Josè (contrabasso)
(offerto dal Campus Internazionale di Musica).

Contributi video: - Francesco Faralli “La Tinaia” (cortometraggio)
- Paolo Ruffini “Cuore Matto” (cortometraggio)
Illuminazione artistica: studio maRAMEo.

pietrocontento.it Valid HTML 4.01 Transitional CSS Valido!